valerius-portrait
VALERIUS
Scultore che predilige nelle sue opere la rappresentazione del nudo con chiare ascendenze classiche. Ama la fusione e la matericità del bronzo a cui affida patine colorate. Il suo ideale è costituito dalla sinuosità della linea e dalla luminosità della bellezza femminile. Assegna alle sue sculture i nomi del mito a richiamare le bellezze degli dei e le perfezioni degli umani. L’accostamento alla contemporaneità gli permette di rappresentare armonia, proporzionalità, istinto e passione attraverso la costruzione del corpo e la rappresentazione delle forme: le sue “donne” diventano così un ideale di bellezza che si avvicina alla realtà in punta di piedi. La scultura per Valerius è sempre un mezzo per raffinare lo sguardo e lo spirito.
BIO | OPERE



camatta-portrait
CAMATTA
Pittore informale che predilige la matericità e la gestualità, e che da sempre ha voluto rappresentare la natura con la sua autenticità e purezza. Il paesaggio costituisce il punto di partenza di Camatta ed an-che l’attuale fulcro delle sue rappresentazioni. La pittura gli è congeniale quando riesce a tradurre un “racconto” con molta spontaneità e improvvisazione. Colore e movimento costituiscono così i principi basilari del dripping e della resa materica dei suoi quadri, che possono raggiungere anche grandi dimensioni. L’astrattismo, da cui era partito, lo ha ricondotto alla proposta di un’iconografia del paesaggio a larghe visioni totalizzanti. Orizzonti e profili permettono, così, di estrapolare l’anima dalla realtà che, vista con i suoi occhi, assume un’immagine sempre nuova e molto più profonda. La natura rivela con Camatta la sua esistenza e la capacità di essere sempre ricca di sorprese.
BIO | OPERE



mancuso-portrait
MANCUSO
Artista che ha rielaborato la sua esperienza veneta nell’incontro con le opere dei Grandi Maestri durante la sua formazione, soprattutto nelle Fiandre e a Parigi. Questo confronto ha raffinato la sua visione del reale, che da Mancuso è filtrata tramite il sogno: l’onirico è il grande protagonista delle sue opere. Partendo da un figurativo naturale è quindi approdato alla rappresentazione del metafisico e del surreale. L’intreccio delle due espressioni è tradotto in una serie di esplosioni figurative sostenute da un forte e puntuale segno pittorico, ricche di toni e di imprevedibili scenografie. Le sue visioni mentali superano la soglia della pura rappresentazione dell’interiorità per approdare al “racconto” di atmosfere che si collocano tra il sonno e la veglia.
BIO | OPERE



tavella-portrait
TAVELLA
Aldo Tavella (1909-2004), uno dei più significativi rappresentanti della pittura veronese, è ormai entrato nel novero dei grandi protagonisti della pittura italiana del Novecento. Formatosi all’Accademia di Belle Arti, ha insegnato per tutta la vita la sua tecnica ed il suo modo di interpretare la bellezza naturale, ed ha ritratto la sua città, Verona, in molte storiche immagini. Per Tavella la luce ha un’importanza fondamentale e le sue tele permettono di coglierla in un modo singolare, sapendo analizzare il segreto degli oggetti, dei paesaggi, e dei ritratti. Colore, forma e superficie costituiscono un tutt’uno originale nell’ambito delle correnti artistiche del suo tempo: lo contraddistinguono una tecnica inconfondibile ed un temperamento forte e ben definito. Fu protagonista della Biennale di Venezia del 1950 e di molte iniziative nazionali e internazionali. Dopo la recente mostra al Palazzo della Ragione la critica gli ha finalmente restituito un posto di primissimo piano.
BIO | OPERE



wowe-portrait
WOWE
Wowe (Wolfgang Wesener) è nato nel 1960 a Colonia – Germania. Durante i suoi studi in Design della Comunicazione presso l’Essen Folkwangschule (1981-84) ha fotografato per la rivista musicale Spex. Arrivando a New York City nel 1984, ha lavorato come assistente con Hans Namuth e Evelyn Hofer durante la realizzazione di New York Nightlife per Details Magazine. Nel 1986, ha iniziato una collaborazione che durerà poi 12 anni con il leggendario FAZ-Magazin, il supplemento settimanale al Frankfurter Allgemeine Zeitung. Si trasferisce in Italia nel 1990, continuando a fotografare per le riviste internazionali e perseguire progetti personali. Attualmente vive nella città di New York.
BIO | OPERE

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.